It’s that time of the year again… quello in cui le vacanze di agosto sono già state prenotate ma il calendario segna implacabile ancora un mese abbondante di lavoro, in cui si guarda con aria sognante qualunque meta vada oltre la tangenziale e in fin dei conti si pensa che anche l’Idroscalo vada un poco rivalutato. Insomma, è ufficialmente estate con tutto quello che ne consegue e allora, in attesa della grande fuga di agosto, ecco qui una selezione di piccoli rifugi, fuori dalle solite rotte e a misura di fine settimana lungo da passare lontano dalla città, per affrontare di slancio il rush finale.

Laglio (Como) – Ca’ Spiga

Forse non tutti sanno che Laglio esisteva anche prima che George Clooney lo scegliesse come suo buen retiro ed è sempre stato un paesino delizioso nel tratto forse più bello del Lago di Como. Il consiglio qui è di soggiornare a Ca’ Spiga, il piccolo bed and breakfast di charme che Alessandro e Andrea hanno ricavato dalla ristrutturazione della vecchia casa di campagna del bisnonno. Fra credenze della nonna, caminetti, lenzuola ricamate e vecchie macchine da cucire, le quattro stanze e le parti comuni conservano l’atmosfera delle abitazioni di un tempo e la vista che abbraccia tutto il lago merita già da sola la visita. A base di torte e pane fatti casa, burro e marmellata, formaggi d’alpeggio e salumi locali, la colazione è energetica al punto giusto per affrontare la perlustrazione delle ville che si affacciano sul lago. Tutte bellissime ma quella che assolutamente non potete perdere è Villa del Balbianello, un luogo magico a picco sul lago.

Torriana (Rimini) – Locanda del povero diavolo 

Caratteristico borgo nascosto fra le cime dell’appennino romagnolo, Torriana è una destinazione per veri gourmet, perché qui si trova il Povero Diavolo, il ristorante stellato, con annessa locanda, guidato da Piergiorgio Parini, giovane chef fra più talentuosi in circolazione. Tre menu – Tre, Sei, Nove in base al numero delle portate – per fare esperienza di una cucina sperimentale e innovativa ma allo stesso tempo concreta, con richiami alle tradizioni di mare e di terra e attenta alla territorialità dei prodotti. La locanda ha la stessa impronta familiare ma curatissima del ristorante: poche stanze arredate con un gusto rustico ed elegante, tutte caratterizzate da un bell’angolo per la lettura e la scrittura. In pieno spirito di digital detox, libri e carta sono messi a disposizione degli ospiti in abbondanza, sia nelle stanze sia nelle parti comuni, come un invito ad abbandonare temporaneamente la tecnologia e riscoprire i tempi lenti dell’ozio e della lettura.

Ca’ Spiga – Laglio (Como)
Photo credits www.caspiga.it

Ca’ Spiga – Laglio (Como)
Photo credits www.caspiga.it

Ca’ Spiga – Laglio (Como)
Photo credits www.caspiga.it

Povero Diavolo – Poggio Torriana (Rimini)
Photo credits www.ristorantepoverodiavolo.com

Povero Diavolo – Poggio Torriana (Rimini)
Photo credits www.ristorantepoverodiavolo.com

Povero Diavolo – Poggio Torriana (Rimini)
Photo credits www.ristorantepoverodiavolo.com

Povero Diavolo – Poggio Torriana (Rimini)
Photo credits www.ristorantepoverodiavolo.com

Valdirose Charming Rooms - Lastra a Signa (Firenze)
Photo credits www.valdirose.com

Valdirose Charming Rooms - Lastra a Signa (Firenze)
Photo credits www.valdirose.com

Valdirose Charming Rooms - Lastra a Signa (Firenze)
Photo credits www.valdirose.com

Malatesta-Maison – Località Montaiate (Pesaro-Urbino)
Photo credits  www.malatesta-maison.com

Malatesta-Maison – Località Montaiate (Pesaro-Urbino)
Photo credits  www.malatesta-maison.com

Malatesta-Maison – Località Montaiate (Pesaro-Urbino)
Photo credits  www.malatesta-maison.com

Masseria Potenti - C.a Potenti, Manduria
Photo credits www.masseriapotenti.it

Masseria Potenti - C.a Potenti, Manduria
Photo credits www.masseriapotenti.it

Masseria Potenti - C.a Potenti, Manduria
Photo credits www.masseriapotenti.it

Masseria Potenti - C.a Potenti, Manduria
Photo credits www.masseriapotenti.it


Firenze – Valdirose Charming Rooms

Ed è subito Camera con vista. Nel cuore dei colli fiorentini – a pochi km dalla città – un romantico bed and breakfast dall’impronta shabby chic. Luminoso e accogliente, Valdirose è prima di tutto la casa di Irene Berni, che nel 2008 ha deciso di trasformare la villa di famiglia, risalente alla metà dell’Ottocento, in una piccola struttura ricettiva: 5 stanze più le parti comuni e un bellissimo spazio verde all’esterno che, pur conservando l’eleganza tipica del gusto fiorentino di un tempo, sono anche l’esatto specchio in ogni dettaglio della personalità e del garbo di Irene. Tanti i servizi messi a disposizione: dalle guide per visitare Firenze e dintorni ai workshop tenuti dalla padrona di casa stessa.

Località Montaiate (Pesaro Urbino) – Malatesta Maison

Ammettiamo di avere un debole per le Marche, per la magnificenza della loro campagna, la bellezza dei borghi antichi e la ricchezza della loro cucina. Montaiate è la classica piccola frazione immersa nella campagna marchigiana: dolci pendii, colline, campi verdi e in mezzo a tutta questa meraviglia Malatesta Maison, edificio costruito alla fine del Quattrocento come luogo di ristoro e villeggiatura. Il casale ha mantenuto la sua funzione originaria nel corso dei secoli, solo durante il Novecento ha vissuto una fase di abbandono, alla quale lo hanno strappato gli attuali proprietari con un raffinato intervento di restauro, condotto secondo i principi della bioarchitettura. L’esito finale è estremamente affascinate: da un lato, si è salvaguardato l’aspetto originario dell’edificio, dall’altro si è creato uno spazio dal gusto minimal e contemporaneo. La Maison mette a disposizione dei suoi ospiti 6 camere – arredate ognuna in modo diverso – e un piccolo spazio dedicato al wellness con sauna, hamman e minipiscina.

Manduria – Masseria Potenti 

Un mare bellissimo, una natura incontaminata e generosa e una tradizione enogastronomica fra le più ricche di Italia fanno da sfondo alla Masseria Potenti, suggestivo agriturismo ricavato dal recupero di un’antica azienda agricola fuori la città di Manduria. I muri di un bianco accecante, i soffitti a stella altissimi, i pavimenti e i camini in pietra, l’antica corte esterna: tutto è stato riportato allo splendore originario con l’intento di creare un luogo dedicato a un’accoglienza genuina e calorosa. Gli arredi sono quelli della tradizione, con grandi credenze, le tipiche ceramiche di Grottaglie, ampie e morbide tende bianche. Tutto nel segno di un’elegante semplicità. Fedele alla sua antica funzione, la Masseria produce autonomamente quasi tutto quello che viene servito in cucina: l’olio, il vino, il pane – che viene cotto ancora nel grande forno che si usava un tempo – le erbe aromatiche e le verdure. E la cucina della padrona di casa, Maria Grazia Di Lauro, è la ciliegina sulla torta di questo poetico angolo di Puglia.

Lascia un commento

La tua mail non verrà pubblicata.