In Cina la pressione sociale è ON.

Probabilmente questo dipende in gran parte dalla politica del figlio unico introdotta negli anni Ottanta, che vieta alle donne di avere più di un figlio. E anche se oggi la legge è stata modificata e prevede solo pene pecuniarie per i contravventori, questa costituisce ancora un grande deterrente alla formazione di famiglie più grandi.

Così i giovani figli unici portano sulle loro spalle tutto il peso delle aspettative di genitori ambiziosi. In tempi recenti si è aggiunto il nuovo corso della Cina post-olimpica. La competizione internazionale è avvenuta nel 2008 a Pechino, e tutte le migliorie apportate in quell’occasione unite all’esposizione mediatica senza precedenti hanno decisamente segnato uno spartiacque nella storia del colosso cinese, contribuendo all’affermazione di un nuovo lifestyle basato sulla ricchezza e sul benessere, sconosciuto ai cinesi. I genitori vogliono quindi per i loro pargoli il meglio, qualunque cosa questo significhi, e li spingono a tutto pur di ottenerlo.

17

Durante le scuole elementari, gli studenti più meritevoli indossano un vistoso segno distintivo, un fazzoletto rosso al collo, siedono in prima fila in classe e solo così costituiscono l’orgoglio dei loro genitori. Pur di ottenere questo status si studia fino a tardissimo, si riempiono pagine e pagine di caratteri e si diventa estremamente competitivi nei confronti dei compagni di classe. E lo stress da prestazione scolastica continua fino al momento del test di accesso all’università: ci si prepara a quell’esame per mesi e mesi, perché si sa che da quel punteggio dipende molto di più che l’istruzione e la vita professionale.

La vita sociale e relazionale di chi non riesce a entrare in una delle università top può rivelarsi un disastro.

11

E questo perché uno dei primi aspetti a catalizzare l’attenzione delle ragazze in età da marito – attivamente e costantemente alla ricerca di una sistemazione – è proprio il background accademico, identificato come l’unica garanzia per lavorare in una grande azienda internazionale e quindi avere una vita ricca e felice.

Altri parametri presi in considerazione dalle fanciulle cinesi (e dalle loro madri) sono il possesso di una macchina e di un appartamento, possibilmente non troppo lontano dal centro. L’ideale sarebbe che il candidato-marito avesse un passaporto straniero, cosi da non aver bisogno di visto per volare a Parigi e riempire la fortunata moglie di regali costosi e brandizzati.

Le ragazze cercano così giovani rampolli ambiziosi ma con i piedi per terra, legati ai valori della famiglia ma non mammoni, attenti alla propria persona ma non vanesi.

Non è una ricerca facile, il nervosismo sale e la febbre da matrimonio va alle stelle. Le ragazze fanno incubi circa il rimanere zitelle, i ragazzi fanno sacrifici enormi per soddisfare tutti i parametri della ricerca, si riducono a lavorare anche di notte per avere quella promozione e a mangiare riso bianco al vapore pur di risparmiare un po’.

Questa è la Cina oggi. Come dicevo, la pressione è decisamente ON. 

14

Se volete sapere come si vive a Pechino quando non si cerca il fidanzato ideale allora date un’occhiata al post di Chiara Maria Sassu sui posti più green ed eco-consapevoli della capitale cinese.

Pressione sociale in Cina
DAI UN VOTO EMOTION ALL'ARTICOLO!
56%Emotion
Il voto dei lettori: (48 Voti)
56%

Redazione

Una redazione guidata da donne che amano i libri, la musica, i viaggi e la creatività. Qui raccontiamo storie, progetti, desideri e visioni delle donne che incontriamo.

Lascia un commento

La tua mail non verrà pubblicata.