Mosca – Si chiama Oldich Dress & Drink, o più semplicemente Oldich, e come si può intuire dal nome è uno spazio all’insegna dell’ibridazione tra moda e cibo. Ha aperto recentemente in una delle vie più animate di Mosca, la Ulitsa Bolshaya Dmitrovka, tra il quartier generale di Condé Nast e la Duma, in pieno centro quindi.

Photo credits www.bg.ru

Photo credits www.bg.ru

Il piano terra è il paradiso del retrò: un accumulo di abiti e oggetti costruito ad arte, con tappeti logorati dal tempo, candelabri d’ottone incrostati di cera e bauli da cui spuntano oggetti di culto per vere fashion victim, come delle scarpe rosso scarlatto YSL vintage o un abito Dior anni ‘50.

Non è però un negozio di seconda mano, la qualità è altissima e i capi sono venduti con un’etichetta che riporta la marca, l’anno di fattura (i pezzi più vecchi risalgono al 1930), la composizione e i difetti, se presenti. È uno spazio tutto da esplorare, fare shopping è in questo caso una caccia al tesoro. Non ci sono due pezzi uguali, così come le taglie: se è destino l’abito scovato sarà della misura giusta, altrimenti si dovrà continuare la ricerca.

Photo credits www.bg.ru

Photo credits www.bg.ru

Girando tra scarpe e vestiti si può scoprire l’accesso a un ristorante ‘segreto’, al piano inferiore. Invisibile dall’esterno, sembra di entrare nel mondo di Alice nel Paese delle Meraviglie, come l’enorme centrotavola a forma di stambecco sembra suggerire. Eccentrico come la riscrittura fatta da Tim Burton della favola dei fratelli Grimm, come dimostra la fila di teste umane in gesso bianco appese sulla parete del bar.

Tutto è curatissimo. Le stoviglie, ad esempio, sono frutto di una ricerca fatta nei mercatini londinesi, piatti e bicchieri sono quindi diversi tra loro. Il gusto negli arredi e nei dettagli è chiaramente vittoriano, mentre il cibo richiama sapori mediterranei, con molte citazioni made in Italy, come il prosciutto crudo di Parma.

Da Oldich si mangia ascoltando musica dal vivo ma ciò che i giovani di Mosca sembrano preferire sono le serate letterarie, probabilmente per il gusto vagamente bohémienne.

Oldich: il ristorante nascosto tra il vintage
Dai un voto emotion all'articolo
89%Emotion
Il voto dei lettori: (5 Voti)
89%

Redazione

Una redazione guidata da donne che amano i libri, la musica, i viaggi e la creatività. Qui raccontiamo storie, progetti, desideri e visioni delle donne che incontriamo.

Lascia un commento

La tua mail non verrà pubblicata.