Milano – Piano C, recentemente aperto, è uno spazio di lavoro condiviso, rivolto a tutte le donne e, in particolare, alle mamme.

Si rivolge a libere professioniste, abituate a gestire le proprie attività da casa, cercando la giusta concentrazione tra le incombenti distrazioni dei lavori domestici – i panni da stendere o l’acqua che bolle sul fuoco – e il bambino che piange e vuole giocare.

La formula adottata è quella del co-working, ovvero condividere gli spazi lavorativi, risparmiare e aumentare le sinergie professionali. Un modello sempre più diffuso in tutto il mondo che trova, proprio in Italia, la prima declinazione a misura di donna.

Si chiama Piano C, dove ‘C’ sta per Coworking, Community (comunità) e Co-baby (gestire insieme i bambini).

Photo credits www.facebook.com/PianoC.Milano

Photo credits www.facebook.com/PianoC.Milano

Leggendo le regole di questo spazio si scopre che possono iscriversi tutte le donne, ma volendo anche gli uomini, purché siano con bambini al seguito. Si scopre inoltre che è uno spazio non solo per lavorare, ma anche per formarsi, incontrarsi, risolvere piccoli problemi quotidiani e mettere in comune esperienze e conoscenze.

È un progetto che crea un nuovo modello di famiglia allargata, in cui dimensione personale e professionale si mischiano, i confini sono piacevolmente labili.

Ci si siede alla scrivania col proprio computer e si lavora, immerse in una piacevolissima calma. Intanto i bambini dai 3 mesi ai 3 anni hanno uno spazio dedicato, con professioniste che li intrattengono da mattina a sera.

Per i figli più grandi c’è invece una seconda sala aperta il pomeriggio, una sorta di doposcuola, in cui poter fare i compiti, ascoltare musica, leggere o giocare. Il tutto, e questa è la cosa più bella, a pochi metri da mamma e papà, che possono alternare una pausa caffè tra adulti a una pausa con i figli.

Per le donne l’offerta si fa ancora più interessante. Le quattro sale riunioni sono state progettate per adattarsi alle esigenze più diverse: possono trasformarsi da spazi per piccoli workshop e convegni in ambienti per attività più rilassanti come corsi di cucina, yoga e autodifesa femminile.

Sempre in linea col desiderio di assecondare al meglio le esigenze delle donne, l’utilizzo dello spazio è flessibile e a tempo. Si può scegliere liberamente quante ore a settimana o quanti giorni usarlo, pagando ovviamente in maniera proporzionale.

Piano C: al lavoro con i bimbi
Dai un voto emotion all'articolo
91%Emotion
Il voto dei lettori: (3 Voti)
91%

Redazione

Una redazione guidata da donne che amano i libri, la musica, i viaggi e la creatività. Qui raccontiamo storie, progetti, desideri e visioni delle donne che incontriamo.

Lascia un commento

La tua mail non verrà pubblicata.